Azienda

fotoold

Storia aziendale
La nostra azienda, proprietaria di 15 impianti di distribuzione di carburante (di cui uno attualmente in fase di realizzazione nel Comune di Isernia) fino al mese di ottobre 2015 operava esclusivamente in convenzione con le più grandi compagnie petrolifere ma da diversi anni prima aveva iniziato a sviluppare un progetto molto ambizioso che proprio a fine 2015 ha trovato la sua realizzazione.
Il progetto prevedeva l’attuazione delle seguenti strategie:
– Riappropriarsi degli impianti svincolandoli da tutte le convenzioni in essere;
– Svolgere l’attività con il proprio marchio

– Ristrutturare gli impianti con opere di ammodernamento per offrire servizi di elevata qualità alla clientela;
– Rendere gli impianti competitivi con una attenta gestione e politica dei prezzi.
– Trasformare il gestore dell’impianto in un imprenditore.
– Specializzarsi nella realizzazione di stazioni di servizio “chiavi in mano” a costi competitivi da proporre anche a terze aziende.
Evoluzione del mercato
Le scelte strategiche accennate in precedenza sono state possibili in quanto, nel corso dell’ultimo decennio, il mercato delle forniture dei prodotti petroliferi da collocare a mezzo delle stazioni di servizio, è stato completamente stravolto.
Gli elementi che hanno consentito tale stravolgimento sono da ricondurre a cinque fattori particolari, tutti interconnessi tra di loro:
1) La rottura del patto di ferro, che ha retto per decenni, tra le maggiori compagnie petrolifere e che, di fatto, avevano monopolizzato l’intero comparto. In pratica non arrivavano forniture se non per loro tramite.
2) Siamo passati da un mercato che possiamo definire del “produttore “ al mercato del “consumatore”. Il calo dei consumi da una parte e l’eccesso di prodotto immesso sul mercato da parte dei Paesi produttori ha determinato un offerta superiore alla richiesta.
3) Questo ha consentito la nascita di diverse compagnie operative nel comparto del trading che, avendo possibilità di acquistare e stoccare in depositi fiscali, carburanti già raffinati provenienti dai Paesi produttori, al pari di tutte le maggiori compagnie petrolifere, si sono proposte al mercato come possibili fornitori alternativi delle compagnie petrolifere storiche.
4) L’apertura del mercato, con la possibilità da parte dei proprietari delle stazioni di servizio di approvvigionarsi, liberamente e alle migliori condizioni dei prodotti occorrenti, hanno stimolato la nascita della “pompe bianche” ovvero di impianti svincolati dalle convenzioni.
5) Il gestore si è, di fatto, trasformato in un imprenditore che gestisce gli acquisti, cura il punto vendita ed è padrone di porre in essere politiche di prezzo da riservare alla sua clientela.

Sistema gestionale
In questo caso, particolarmente positivo è stato l’avvio della collaborazione con la società Gestione Italia Srl.
Quest’ultima azienda opera, già da qualche anno, nel settore della gestione di diverse reti attive nella distribuzione dei carburanti per l’autotrazione, su tutto il territorio nazionale. Dispone di personale qualificato, vanta una notevole esperienza nel settore e può contare sulle indubbie doti imprenditoriali dei titolari.
Proprio per le cose appena evidenziate, ci è sembrato opportuno formalizzare il rapporto con Gestione Italia Srl attraverso un contratto con il quale gli è stata affidata l’intera gestione ordinaria degli impianti che riguarda l’aspetto commerciale, organizzativo ed operativo delle varie stazioni di servizio.

Progetti futuri.
Stiamo valutando l’acquisizione di altre stazioni di servizio, specie se collocate su arterie viarie importanti.topspyapps.net